Patria o Muerte

Si, Beria, lo so che è fastidioso tenere la flebo attaccata alla zampa, ma devi proseguire la cura e venir fuori da sto tunnel. Ti stai riprendendo da infezione e intervento, devi aver pazienza e tener duro“. La veterinaria mi guarda e aggiunge “Ma sai che con te sta proprio tranquilla, si vede che le infondi sicurezza“.

Il mio cane mi guarda con due occhi che sembra sia stata in compagnia di Amy Winehouse nei suoi momenti peggiori, ma Beria ne sta uscendo, e finalmente dopo ormai una decina di giorni in cui il suo futuro come quadrupede è stato incerto, sta migliorando.

Grazie alle diagnosi di Mauro (una sorta di Dr. House canino) e al suo provvidenziale bisturi in emergenza, e grazie alle terapie endovena che le Tre Grazie (Katic, Roberta e Chiara) le stanno somministrando (manco nei peggio rave party si vedono girare cocktails di tal genere), sta ricominciando a camminare e avere quella brillantezza politica tipica dei vecchi comunisti.

Dai, ti racconto di quando Ernesto Che Guevara si è presentato alle Nazioni Unite, nel Dicembre del 1964, se stai buona e lasci che ti finiscano la terapia” le dico, mentre Katic mi guarda con aria interrogativa: va bene parlare col proprio cane, ma questa è la prima volta che assiste ad una discussione marxista-leninista tra un umano e un cane.

…. Porque esta gran humanidad ha dicho «¡Basta!» y ha echado a andar. Y su marcha, de gigantes, ya no se detendrá hasta conquistar la verdadera independencia, por la que ya han muerto más de una vez inútilmente … Esa proclama es: Patria o muerte.

Un discorso appassionato, di un Che ormai emerso come statista-rivoluzionario-politico sulla scena mondiale, che nella sua apertura, dopo aver auspicato un serio lavoro dell’Assemblea e delle sue commissioni, ha indirizzato con forte passione i conflitti politico-sociali attivi in quell’epoca, “… Fra tutti i problemi scottanti che debbono essere trattati da questa Assemblea, uno di quelli che per noi hanno maggior significato e di cui crediamo sia necessario dire una definizione che non lasci dubbi in nessuno, è quello della consistenza pacifica fra stati con diversi regimi economico-sociali. Notevoli sono i passi in avanti compiuti dal mondo in questo campo; tuttavia l’imperialismo – soprattutto quello nordamericano – ha la pretesa di far credere che la consistenza pacifica sia di uso esclusivo delle grandi potenze della terra.”

“Noi esprimiamo qui la stessa posizione sostenuta dal nostro Presidente al Cairo e che doveva poi essere alla base della Dichiarazione della Seconda Conferenza dei Capi di Stato e di Governo dei Paesi non Allineati: e cioè che la consistenza pacifica non deve essere limitata soltanto ai potenti, se si vuole garantire la pace del mondo. La coesistenza pacifica deve essere praticata fra tutti gli stati, indipendentemente dalla loro importanza, dalle relazioni storiche che li legavano in precedenza e dai problemi sorti fra alcuni di essi in un momento dato ….

Si, lo so, si è dimenticato qualcosina nella sua appassionata difesa delle autonomie e del diritto dei popoli all’autodeterminazione: URSS e China erano definiti campioni del rispetto e auspicava anche un pieno ingresso della Repubblica Popolare Chinese a rappresentanza del suo popolo col disconoscimento della “cricca di Taiwan”, ma sono i chiari peccati di un politico malgrado la guida del movimento dei non allineati.

Il respiro di Beria si è fatto più profondo: nulla rilassa il mio cane più che la storia della politica, soprattutto se tinta di rosso. Ancora due flebo e si torna a casa.

Foto? Katic, che è arrivata qui in Italia dal Brasile, seguendo l’amore e continuando a curare animali …

vet beria 1 vet beria 3 vet beria 4

Annunci

9 commenti

  1. Certo che c’è su Youtube il discorso, ovvio ….

  2. Che bello che sta migliorando. Una grattatina supplementare tra le orecchie di incoraggiamento 🙂

  3. Ah, che bello… Buone notizie e baci a Beria 🙂

  4. Sono proprio contento per il tuo cane; forse ha capito che deve continuare ad assistere un padrone svitato.

    1. si, tra i due è lei quella con la testa sulle spalle

  5. Tante carezze a Beria!
    Ciao

  6. Sono contento che Beria si stia riprendendo. Ho pensato spesso alle sue condizioni di salute in questi giorni.
    🙂

    1. Grazie, ma aspettiamo a cantar vittoria, che oggi è un gran casino, povera cagnetta….

  7. Ciao Mau, sono contento che Beria si senta meglio … dille di tener duro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: