Cami, ho comprato 5 elefanti“. “Babbo, non sono certa di voler sapere cosa tu abbia veramente fatto ….“, mi ha risposto mia figlia: allevali, falli studiare, e poi ti ritrovi a gestire il tuo stesso sarcasmo dietro degli acuti occhi azzurri.

Quando,  sul telefono, mi è arrivato il messaggio che annunciava “Warehouse sale upto 75%, new arrivals from Jaipur, ethnic furniture, carpets and home accessories“, sapevo già che non avrei resistito al comprare qualche altra cazzata dopo il tavolo con le piastrelle (vedi il racconto della consegna in questo post), la credenza lisergica, e un po’ di strani specchi che ho disseminato per casa.

Entrando nel magazzino a lamiera ondulata, dalle parti di Al Mina, insieme al ronzare dei condizionatori industriali che mantengono il sarcofago ad una temperatura accettabile, ho sentito i saluti dei due addetti che pascolano tra i mobili, disposti alla rinfusa, con delle calcolatrici in mano: un chiaro segno della predisposizione alla negoziazione dei commercianti indiani.

Sir, welcome back, you have special discount as usual“, mi ha detto stringendomi la mano, che nella traduzione letteraria voleva riconoscermi come cliente abituale, e garantirmi un trattamento di favore, mentre, in quella con maggior significato semantico, hanno appena salutato un grosso pollo pelato da spennare.

Ho gironzolato per un po’ finché mi son fermato davanti ad un elefante in latta, dipinto con i classici colori che solo la gioia creativa dell’induismo sa trovare. “Cosa costa?” ho chiesto al contabile al sapore di curry, che mi stava seguendo peggio di un bollo della moto che ho dimenticato di pagare nel 1992.

Sir, for you … (e armeggia con la calcolatrice) .. only 80 dirhams [20 euro]”.

Senti, sono certo che questo pezzo di metallo venga da Alang, a città del distretto di Bhavnagar, nel Gujarat Indiano, un migliaio di chilometri a nord di Mumbai, dove vengono demolite a mano le navi, quindi si tratta di latta di recupero e il prezzo deve scendere“, gli rispondo.

Sir, se ne compri due” mi dice, arpionandone un altro altrettanto lisergico, e armeggiando con la calcolatrice, “… solo 150 dirhams [circa 35 euro]”. Decido per l’attacco in contropiede: “E se te ne prendo 3, me li fai pagare 160?“. “No, sir, se ne prendi 3, ti faccio lo sconto e me li paghi solo 180“.

Rifiuto di cercare una logica, dopo che – per qualche istante – ho pensato di applicare l’inverso della serie di Fibonacci, che mi pareva la cosa più attinente a spiegare la sua strategia commerciale: “Facciamo che te ne prendo 4 per 200 AED [50 euro circa] …. ma me ne dai uno in omaggio, come sconto merce del 20%“.

Foto? Ho 5 elefanti di latta, e se qualcuno mi chiede cosa cazzo me ne faccio, giuro che gli rispondo male ….

 

It's been almost 50 years that I travel across the word (and the 7 seas), on business or vacation, but always carrying with me a Leica camera. I started keeping this kind of journal a while ago. Even if sometime I disappear for ages, I'm then coming back with semi-regular updates: publishing is a kind of mirroring of my state and emotions, and you need to take it as it is. All published photos are mine.

24 Comment on “5 Elefanti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: