Bah, oggi son perplesso: ho passato almeno 7 ore al telefono e mi sento un giocoliere da circo che tiene in equilibrio un buon numero di attrezzi, facendoli muovere, roteare, saltare, evitando quasi miracolosamente, e in spregio all’attrazione gravitazionale, che si spiattellino a terra.

Il mio senso di deontologia vacilla un filo: volermi guadagnare la pagnotta sulla base dei risultati che quotidianamente concludo, in una giornata come questa, non mi soddisfa pienamente. Poi mi spiego che è normale avere dei cicli di raffinazione del problema/progetto e dei momenti di stasi. Me lo spiego, ma non ho il DNA del “tennista aziendale” che rilancia la palla al di là della rete e vive di rimessa, e quindi un filo di amaro per l’inconcludenza della giornata mi rimane.

Nota di costume: ero al telefono con due colleghi, uno seduto a New Delhi, l’altro a Washington, per un’introduzione oracolare e olistica di cosa faccia io, e di che cosa questi due che hanno l’innegabile disgrazia di dover lavorare con me a brevissimo mi aspetto facciano.

Son stati indottrinati precedentemente dalle persone che vengono a rimpiazzare per i soliti movimenti degli organigrammi, ma è bello e sano cominciare con lo spiegarsi e il tentare di capirsi, e soprattutto col dare almeno una voce e un barlume di umanità ad un rapporto che poi sarà improntato a trovare soluzioni in situazioni complesse e sotto la pressione del “delivery”.

Solo che, cazzo, mi son lasciato forse prendere dalla foga dialettica. Ho parlato per una dozzina di minuti, prima di fare un cortese check sul fatto mi stessero seguendo, check più derivato dall’apnea di 3 subordinate e 6 correlate che ho chiuso tipo mazzo di fiori di campo, pentendomi perché la lingua inglese ‘ste costruzioni non te le lascia fare come il latino o anche l’italiano (o magari non sono sufficientemente madrelingua per farlo).

Silenzio.

Silenzio. Poi, sottovoce, “Dear Lord, that is a lot. That is a lot more than we have been told“. Prevedo un periodo in salita.

Ovvio che non abbia scattato mango una foto oggi, ma l’ho fatto Venerdì mattina, mentre pascolavo per Genova durante il break della mattina. Ovvio che non c’entri nulla con il post, ma mi mettono di buon umore nel pensare quanto sia bella questa città …

genova 10062014 1 genova 10062014 2 genova 10062014 3

It's been almost 50 years that I travel across the word (and the 7 seas), on business or vacation, but always carrying with me a Leica camera. I started keeping this kind of journal a while ago. Even if sometime I disappear for ages, I'm then coming back with semi-regular updates: publishing is a kind of mirroring of my state and emotions, and you need to take it as it is. All published photos are mine.

21 Comment on “That is a lot more …

Rispondi a Maurizio Vagnozzi Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: